PignetoToday

Movida al Pigneto: le proposte del Cdq per restiture decoro al quartiere

Il Cdq Pigneto Prenestino illustra in otto punti programmatici in che modo si può combattere il degrado dell'isola pedonale. Ecco le proposte nel dettaglio

Insieme all’estate al Pigneto tornano immancabilmente i malumori dei residenti per i quali la bella stagione diventa spesso un vero e proprio incubo. Centinaia di giovani fino a tarda notte, urla e schiamazzi, e purtroppo anche tanta droga che ovviamente non aiuta la sicurezza (le risse in strada sono all’ordine di giorno e non a caso le ultime manifestazioni dei residenti si sono intitolate “Il Pigneto non è spacciato”).

Un problema, quello della movida, che i cittadini della zona pensano di risvolere evitando prove di forza e misure repressive che spesso si risolvono in proposte fallimentari e ordinanze grottesche. Già ma allora in che modo tutelare il sonno e il bisogno di sicurezza dei residenti? Il comitato di quartiere Pigneto Prenestino ha stilato un documento da con otto proposte da mettere sul tavolo della nuova giunta municipale e, ovviamente, capitolina (va ricordato che i mini sindaci non hanno poteri decisionale per quanto riguarda la presenza di forze dell’ordine).

Il provvedimento più urgente da prendere secondo il Cdq è diversificare “la tipologia delle attività presenti nel quartiere (e limitare la concentrazione di locali a vocazione notturna)”, attraverso la classificazione dell’area pedonale in ‘Centro Commerciale Naturale’. “In questo modo si potrà tenere sotto controllo il rilascio delle licenze per l'esercizio di attività commerciali”. La seconda proposta è realizzare  “un efficiente sistema di illuminazione stradale atto ad illuminare strade e marciapiedi (e non solo le chiome degli alberi) e strutture adeguate per la frequentazione diurna del quartiere (es, panchine pubbliche)”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Va poi regolamentano l’orario di chiusura delle attività commerciali: sino alle ore 24 dalla domenica al giovedì e sino alle ore 2 il venerdì, il sabato e i prefestivi.

Altri punti riguardano la riqualificazione del mercato rionale del Pigneto e la progettazione di bagni pubblici, mentre il problema dei rifiuti si risoLve attivando il servizio di raccolta differenziata porta a porta e collocando raccoglitori per la raccolta differenziata sull'area pedonale. Infine il verde (secondo il Cdq è necessario “aprire e attrezzare i 1.700 metri quadrati di verde pubblico previsti dall’accordo con la Serono/Condotte”) ma sopratutto il drammatico problema dello spaccio di droga che va affrontanto “praticando politiche antiproibizioniste e di riduzione del danno”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Intervengono per sgomberare un appartamento abitato da un'anziana e trovano deposito d'armi

  • Coronavirus: positivi due minori della stessa famiglia, chiusi ristorante e centro estivo sulla Casilina

  • Temporale Roma, bomba d'acqua e gradinata sulla zona est della Capitale

  • Coronavirus, a Roma 11 casi. In totale nel Lazio 14 nuovi contagi. I dati delle Asl

  • Coronavirus: undici nuovi contagi nel Lazio, chiusi ristorante e centro estivo nella periferia est

  • Coronavirus, a Roma sette nuovi casi: undici in totale nel Lazio

Torna su
RomaToday è in caricamento