PignetoToday

Il Cinema l'Aquila riapre per una sera: assemblea con Boccuzzi e poi Bud Spencer

Un incontro organizzato dal minisindaco per discutere del bando con il territorio. Parteciperanno il Cdq Pigneto Prenestino e i promotori di Riapriamo il Cinema l'Aquila

Immagini di una protesta

Riapre per una sera il Nuovo Cinema L'Aquila al Pigneto. Il presidente Giovanni Boccuzzi ha organizzato un incontro con il territorio "per condividere e discutere del nuovo bando della multisala cinematografica". L'assemblea pubblica, alle ore 18, annunciata anche sul sito del Comune di Roma, si terrà nel multisala chiuso da più di un anno fa per presunte irregolarità di gestione da parte della coop. E mai riaperto nonostante le continue denunce di comitati e cittadini. Parteciperanno i membri del cdq Pigneto Prenestino e i promotori di "Riapriamo il Cinema Aquila", Fabrizio Cianci, Edoardo Dell’Acqua, Ilari Valbonesi. 

Un nuovo bando di gara che permetta di tornare a frequentare l'unico presidio culturale del quartiere è la richiesta che i cittadini avanzano da mesi, scritta nera su bianco nell'interrogazione di iniziativa popolare, con in calce 500 firme, diretta alla sindaca Raggi e promossa dagli organizzatori di "Riapriamo il Cinema Aquila". L'incontro "è una notizia positiva - commentano - ma la riapertura non può essere determinata per gentile concessione della burocrazia comunale. L’Amministrazione comunale deve finalmente restituire il Cinema alla città, attraverso l’indizione di un nuovo bando di assegnazione, attivando procedure di evidenza pubblica trasparenti previste per legge". Perché, ricordano, "dopo il sequestro alla Banda della Magliana, il cinema è stato trasferito dallo Stato al patrimonio del Comune di Roma. In quanto tale, è assoggettato alle leggi antimafia e può essere gestito direttamente dal Comune, oppure deve essere affidato a cooperative sociali attraverso un pubblico bando di affidamento. Qualunque altro tipo di ipotesi, seppur condivisibile in quanto finalizzata alla riapertura del Cinema, è tecnicamente illegale".

All'assemblea pubblica seguirà una maratona con due film di Bud Spencer, Banana Joe e Altrimenti ci arrabbiamo, due pellicole che diletteranno grandi e piccoli rendendo nel contempo omaggio all’attore recentemente scomparso. Ma il programma della serata, diffuso dal Cdq Pigneto Prenestino, è ricco di appuntamenti. Di seguito tutte le proiezioni.

18,00
ASSEMBLEA PUBBLICA PER DISCUTERE DELLA RIAPERTURA DEL CINEMA
(e costituzione partecipata del gruppo di lavoro transitorio)

19,30
ciclo (per i più piccoli) “COMBATTI IL TIRANNO, AIUTA L’AMICO!” proiezione a scelta tra:

BANANA JOE regia di Steno, (1982, 92 min.) Grande, grosso e buono, Banana Joe vende banane per foraggiare gli indigeni di una non meglio precisata repubblica sudamericana. I cattivi di turno gli metteranno i bastoni tra le ruote, ma le prenderanno di santa ragione.

... ALTRIMENTI CI ARRABBIAMO regia di Marcello Fondato (1974, 100 min.) L’aggressione di una squadraccia di motociclisti, sicari di un disonesto imprenditore edile, mette in moto i pugni giusti di Bud e Terence.

21,00
DIBATTITO ED INTERVENTI SUI TEMI AFFRONTATI IN ASSEMBLEA

21,30
ciclo “BREXIT, EUROPA, LAVORO” proiezione a scelta tra:

IN QUESTO MONDO LIBERO regia di Ken Loach (2007, 96 min.) Angie, ragazza madre licenziata per l'ennesima volta, decide di mettersi in proprio offrendo lavoro precario ad extracomunitari. Angie diventa da sfruttata a sfruttatrice, speculando sulla povertà.

PAUL, MICK E GLI ALTRI regia di Ken Loach (2001, 92 min.) Un autentico pamplhet che narra la quotidianità di persone che non contano più nulla.

MY BEAUTIFULL LAUNDRETTE regia Stephen Frears (1985, 97 min.) Giocato tra commedia e drammatico ed ambientato a Londra durante il governo Thatcher, nel film vengono raccontate le complesse e a volte comiche relazioni tra la comunità bianca e quella indiana, toccando molti temi quali l'omosessualità, il razzismo e la politica economica inglese dell'epoca.

23,00
INTERVENTO TEATRALE DEGLI ATTORI MORICI, PARISI E GRILLO

23,30
ciclo “UNITED STATES OF AMERICA: IERI COME OGGI, OGGI COME SEMPRE” proiezione a scelta tra:

FA’ LA COSA GIUSTA regia Spike Lee (1989, 113 min.) In un quartiere nero di Brooklyn, tutto sembra tranquillo: i disordini razziali di quindici, venti anni prima sembrano dimenticati. Ma basta una giornata di caldo torrido per esacerbare gli animi. La pizzeria italiana viene razziata. Il proprietario si vendica.

MISSISSIPI BURNING regia Alan Parker (1989, 125 min.) Mississipi, 1964: il problema dell'odio razziale nel sud dell'America

L’ODIO ESPLODE A DALLAS regia di Roger Corman (1962, 80 min.) L’approvazione della legge antirazziale negli Stati Uniti inasprisce così tanto certi fanatismi che una ragazza mentendo accusa un nero di averla assalita.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

THE BUTLER regia di Lee Daniels (2013, 132 min) Daniels prosegue il suo percorso di rilettura critica della Storia americana inserendo la questione razziale in un quadro politico-economico complesso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Roma, la mappa del contagio dopo il lockdown: ecco in quali quartieri sono aumentati di più i contagi

  • Coronavirus: a Roma 23 casi e tra loro anche un bimbo di nove anni, sono 28 in totale nel Lazio. I dati Asl del 9 luglio

  • Cornelia, rissa in pieno giorno paralizza quartiere: tre feriti. Danni anche ad un negozio

  • Coronavirus, a Roma 17 nuovi contagi. Positivo bimbo di un anno a Civitavecchia

  • Coronavirus, a Roma e provincia sei bambini positivi in 10 giorni

  • Coronavirus: a Roma 14 nuovi casi, 19 in totale nel Lazio. I dati Asl del 6 luglio

Torna su
RomaToday è in caricamento