PignetoToday

Pigneto, salta l'inaugurazione di Kram: il nuovo locale bloccato dagli accertamenti dei vigili

Doveva aprire giovedì 4 ottobre. Per mesi il locale è stato al centro delle proteste di comitati di quartiere

Il nuovo locale al Pigneto

Niente inaugurazione per Kram, il nuovo locale di piazza Nuccitelli Persiani al Pigneto. Pronto ad aprire giovedì 4 ottobre, il brindisi con i primi clienti dovrà aspettare. "A pochi giorni dalla data di apertura veniamo a sapere della nascita di un contenzioso edilizio" comunicano i gestori. "Nell’interesse di tutti ci assicureremo, come fatto finora, che Kram abbia ottemperato a tutti gli obblighi di legge per svolgere le sue attività in piena osservanza delle regole e garantire la giusta trasparenza agli abitanti del quartiere".

Cosa è accaduto? Secondo quanto si apprende, ai titolari dell'esercizio è stato recapitato un verbale dal V gruppo della Polizia locale. Sono in corso verifiche su irregolarità edilizio urbanistiche. L'eventuale sequestro del manufatto dipenderà dal pronunciamento in merito della Procura. "Nell’interesse di tutti ci assicureremo, come fatto finora, che Kram abbia ottemperato a tutti gli obblighi di legge - chiariscono - per svolgere le sue attività in piena osservanza delle regole e garantire la giusta trasparenza agli abitanti del quartiere".

Il cantiere, partito un anno e mezzo fa, ha demolito dodici box auto privati su via Gentile da Mogliano, ed è stato mesi al centro delle proteste dei comitati di zona (tra questi il Pigneto Prenestino e l'associazioni di piazza Nuccitelli). Tutti contro l'ennesimo potenziale attrattore di baldorie notturne di cui il Pigneto è già più che saturo. Da parte loro i proprietari hanno sempre rivendicato la bontà del progetto. Tra i servizi offerte "birre artigianali, street food e aperitivo, cena e dopocena. E ancora una terrazza con maxischermo, djset e un giardino dove divertirsi all'aria aperta". Oltre a "un punto di ritrovo al Pigneto che vuole coinvolgere la comunità in tutti i suoi settori artistici, culturali e intellettuali". Due diverse visioni dello spazio pubblico e delle esigenze del quadrante. Ma il vero braccio di ferro si è consumato sui permessi. 

I comitati si sono scagliati in più occasioni contro l'amministrazione municipale, rea a loro dire di non aver effettuato sufficienti controlli e verifiche sul rispetto delle normative in materia urbanistica. Per mesi gli uffici tecnici del V municipio, quelli chiamati ad accordare tutte le autorizzazioni necessarie per far partire l'attività, hanno dato ragione ai titolari del progetto. "E' tutto nella norma" ha ripetuto in più occasioni l'UOT, chiamato a rendicontare anche in una seduta di commissione Trasparenza. Poi qualcosa è cambiato. E a una settimana dal taglio del nastro, il freno al ristorante-bar. Ora la palla passa all'Autorità giudiziaria. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blocco traffico: a Roma oggi niente auto nella fascia verde, tutte le informazioni

  • Blocco auto: chi può circolare a Roma domani 19 gennaio

  • Bollo auto, sconti e nuova modalità di pagamento: cosa cambia nel 2020

  • Le mani della 'Ndrangheta su San Basilio: spaccio modello Scampia da 15.000 euro al giorno

  • Sfratti, Marina e i suoi 4 figli da oggi sono per strada: "Il Comune non paga più il buono casa"

  • Smarrita a 4 anni alla stazione Termini: rintracciata dalla polizia e riaffidata ai genitori

Torna su
RomaToday è in caricamento