PignetoToday

Parco delle Energie, smantellata l'area giochi: i cittadini raccolgono le firme per riaprirla

La mobilitazione è stata organizzata dal Forum territoriale del Parco delle Energie

Una raccolta firme per non abbassare la guardia e assicurarsi che il Parco delle Energie non perda per sempre la sua area giochi. L’allarme è scattato martedì 8 gennaio quando il servizio giardini ha smontato scivoli e altalene che stavano all’interno dell’area verde da ormai 12 anni e che senza manutenzione non erano più in condizioni di essere utilizzati in sicurezza. “Siamo rimasti allertati perché, pur sapendo che c’è una comunità di cittadini che da anni si prende cura del parco, e sto parlando del Forum territoriale Parco delle Energie, nessuno ci ha comunicato nulla in merito”, ha spiegato a Romatoday Michela Giordani, del Forum.

Il pensiero è subito corso all’estate del 2006 quando i giochi furono smantellati e i bambini dovettero attendere 18 mesi prima di ottenere dei giochi e solo grazie alla mobilitazione di genitori, nonni e frequentatori del parco. Il 25 gennaio 2020 è così stata subito convocata un’assemblea. Sabato scorso si è tenuta una festa verso il carnevale con un giocoliere che ha tenuto viva “l’area giochi che non c’è”. Poi è stato chiesto e ottenuto un incontro con il presidente del V municipio, Giovanni Boccuzzi, e il suo assessore all’Ambiente, Dario Pulcini.

“In quell’occasione non abbiamo ottenuto alcuna rassicurazione in merito ai tempi per ripristinare l’area giochi”, spiega Giordano. “Solo più tardi, telefonando agli uffici del dipartimento Tutela ambientale ci è stato detto che i giochi verranno ripristinati entro la fine di aprile”. Con la raccolta firme “chiediamo alla Responsabile Aree Giochi del Dipartimento Ambiente del Comune di Roma di confermarci ufficialmente le tempistiche che ci sono state comunicate solo a voce. Sappiamo che l’area giochi del Parco delle Energie non rientra nel bando apposito che scadrà a marzo ma che è compresa in un precedente appalto e che quindi verrà sostituita. Ci è stato detto a voce ma non abbiamo alcuna conferma che sia così. Come abbiamo imparato in anni di battaglie le parole non sono mai sufficienti”, continua Giordano. “Concluderemo la nostra raccola firme durante il corteo di Carnevale e la faremo avere a chi di competenza. La primavera è alle porte e i nostri bambini hanno diritto ad avere un posto in cui giocare”.

“L’ufficio aree ludiche del dipartimento ha ritenuto che i giochi non potessero essere messi in sicurezza riparandoli e quindi ha dovuto smantellarli”, ha spiegato a Romatoday l’assessore all’Ambiente del V municipio, Dario Pulcini. “C’è un appalto da un milione di euro che è stato già chiuso e sarà operativo entro un paio di mesi al massimo. L’area giochi del Parco delle Energie rientra tra gli interventi previsti entro la fine del 2020. Cercheremo di metterlo in campo il prima possibile, speriamo prima dell’estate. Nel corso del 2020, con questi soldi, completeremo molti altri interventi in tutto il municipio fino a rimettere in sicurezza tutte le 40 aree giochi del territorio”. 

Venerdì sera è in programma anche la visita della sindaca Virginia Raggi che sarà al parco insieme al presidente del V municipio, Giovanni Boccuzzi, per inaugurare il nuovo sistema di illuminazione dietro lo slogan: illumina il parco, accendi la vita. “Ci sorprendono queste parole”, conclude “da anni nel Parco delle energie si accende la vita, anche quando le luci vengono tenute spente”. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

IMG_20200215_165020-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, morto a Roma 33enne: è la vittima più giovane nel Lazio

  • Coronavirus, nel Lazio 1728 casi: 17 decessi nelle ultime 24 ore. Tre cluster preoccupano la Regione

  • Coronavirus Roma: scuole, eventi, orari di bar e ristoranti. Tutto quello che c'è da sapere

  • Coronavirus, 2096 casi nel Lazio: 46 nuovi positivi a Roma. Tre cluster fanno impennare il numero dei contagiati

  • Morto a 35 anni di Coronavirus, paura tra i colleghi di Emanuele: il call center chiude, la Regione spiega

  • Coronavirus, a Tor Vergata muore un 35enne: non aveva patologie pregresse

Torna su
RomaToday è in caricamento