Sgombero via Giovenale, un residente: "Situazione non risolta"

Sembrava tutto a posto in via Ettore Giovenale dopo lo sgombero pacifico di un insediamento abusivo piùà volte segnalato dai cittadini. Un residente però segnala: "Non è finita qui"

Redazione15 novembre 2011
1

Prima le segnalazioni, poi i contatti con le istituzioni, poi l'attesa, alla fine lo sgombero. L'insediamento abusivo di via Ettore Giovenale è stato allontanato con un intervento pacifico delle forze dell'ordine ma forse, per i residenti della zona, è presto per cantare vittoria.

"Vorrei informarvi che la situazione purtroppo non si è ancora risolta". Esordisce così la segnalazione di un cittadino al comitato municipio 6, che con un commento lasciato sul sito, ci tiene a far sapere che dall'area di via Giovenale, "gli stessi nomadi sgombrati dal campo" di sarebbero spostati "nel parcheggio di via Prenestina angolo via Giovanni Brancaleone accumulando le stesse cose trovate nel terreno sgombrato qualche giorno fa".

Annuncio promozionale

E non solo, come prevedibile, avrebbero trovato un nuovo insediamento ma non avrebbero abbandonato del tutto neanche il precedente. I nomadi infatti, come fatto presente dal lettore, "sono stati visti rientrare nel terreno sgombrato, non più dal cancello su via Ettore Giovenale ma scavalcando la siepe che si trova a via Antonio Raimondi".
 

Pigneto
sgomberi

1 Commenti

Feed
  • Avatar anonimo di occhibelli

    occhibelli la situazione degli zingari è diventata insostenibile! Si sono spostati al parcheggio! Ed è peggio......... fanno i bisogni alla luce del sole........ bevono continuamente birre....... si ubriacano e girano nel parcheggio............ Era meglio quando bivaccavano nel terreno almeno chiudevano il cancello e noi residenti non vedevamo niente......... E' solo un modo ironico di commentare la situazione!!!!!!!!!!  IL PROBLEMA DEVE ESSERE RISOLTO PERCHE' NON SI PUO' PIU' CONVIVERE CON LE PERSONE INCIVILI, CHE NON RISPETTANO LE REGOLE E MOLESTANO LA BRAVA GENTE CHE VIVE NEL QUARTIERE

    il 17 novembre del 2011