Pigneto Today

Pigneto: lo spaccio occupa il vuoto del cinema l'Aquila, ma per il municipio "si è alleggerito"

Il presidente Palmieri: "Il problema non si è risolto, ma si è alleggerito. Noi abbiamo fatto il possibile". Il quartiere non è d'accordo: "Qui è sempre peggio"

Immagine di repertorio

Un fortino dello spaccio operativo su due fronti. L'isola pedonale, ancora in prima linea per hashish e marijuana, con le nuove panchine trasformate in comodi appostamenti per i pusher, e via l'Aquila, con il cinema chiuso e inutilizzato da giugno nuovo avamposto per lo smercio di eroina. Nel mezzo, lungo i marciapiedi dei vicoletti del quartiere, non è raro per i residenti scavalcare il tossico di turno, buttato sul portone, per entrare in casa.  

Al Pigneto il quadro è identico a sè stesso ormai da anni. Senza cinema poi, si è perso un importante presidio socio culturale che almeno su quel fronte frenava il dilagare di capannelli di spacciatori. Abitanti abbandonati e comitati in rivolta che tentano disperatamente di denunciare e protestare. Ma le istituzioni fanno spallucce. 

"Noi abbiamo fatto la nostra parte" ha dichiarato giusto ieri il presidente del V municipio, Giammarco Palmieri, pronto a ricandidarsi per le amministrative di giugno, intervenuto ai microfoni di Radio Roma Capitale all'interno della trasmissione di Paolo Cento "Ma che parlate a fa!?". Per il minisindaco la situazione non è poi così drammatica. Certo "non si è risolta, ma si è alleggerita". Diversa l'opinione dei cittadini. Quasi all'unanimità si commenta da tempo la degenerazione di un quadro che se già era critico, oggi appare sfuggito a ogni controllo.

"E' una vergogna sentir dire che va meglio. In questo quartiere la qualità della vita è precipitata in maniera preoccupante - commenta la signora Anna, residente in via Ascoli dagli anni novanta - addirittura la movida ne risente, la zona si sta svuotando". A farle eco il vicino di casa, Giovanni, 35 anni, al Pigneto da dieci, da quando è arrivato a Roma per studiare all'università. "Si può dire che si vuole, la realtà la conosci solo se la vivi. Personalmente ho visto un netto peggioramento negli ultimi due anni". E non la prima volta che le visioni non collimano. 

Già a dicembre, da una sintesi del Commissario delegato per il V municipio, il giudizio emerso non piacque ai residenti: "Hanno detto che il narcotraffico è quasi sparito, che non ci sono più risse. E' allucinante sentir dire una cosa del genere" commentava Marco, del Cdq Abitanti Pigneto. Stavolta non è sparito, però "si è alleggerito".

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (3)

  • una vergogna

  • Penso che Palmieri, persona che ho sempre stimato, per come sta rappresentando il NON problema della droga e degli spacciatori Africani nel triangolo della vergogna NON MERITA IL VOTO DI TUTTI I RESIDENTI

  • Voglio proprio vedere chi ha il coraggio di rivotarlo a questo, me compreso ovviamente. Quando a novembre ha consegnato a Tronca l'elenco dei 30 punti "caldi" non risolti del quadrante Pigneto/Prenestino, quello dello spaccio si era talmente "alleggerito" che non c'era proprio...vergogna!

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Tor Bella Monaca, blitz nel bunker dello spaccio di via Camassei: rimosse le cancellate

  • Cronaca

    Zhang Yao: è caccia ai ladri, si indaga sull'investimento

  • Incidenti stradali

    Fuori strada sulla Roma Fiumicino, poi il volo sulle rampe del raccordo. Illeso

  • Politica

    Berdini frena sulle sue dimissioni: "Farò l'assessore per cinque anni"

I più letti della settimana

  • Lo spazzatour di Raggi e Muraro a Tor Pignattara a caccia di sporcaccioni

  • Incendio a Tor Pignattara: fiamme in un palazzo, muore una 74enne

  • Quadraro: armi, droga e moto rubate in un box auto. Arrestato 37enne

  • Prenestino: alimentavano appartamenti rubando energia elettrica, 11 arresti

  • Traffico di cuccioli a Porta Portese Est: indagini su una banda di via Salviati

  • Il Pigneto non separa i rifiuti: porta a porta bloccato e secchioni tutti uguali

Torna su
RomaToday è in caricamento