homemenulensuserclosebubble2shareemailgooglepluscalendarlocation-pinstarcalendar-omap-markerdirectionswhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companieslocation-arrowcarbicyclesubwaywalkingicon-cinemaicon-eventsicon-restauranticon-storesunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Pigneto Today

Torpignattara, alberi abbattuti e mai ripiantati: "Ci tolgono il verde e ci lasciano i monconi"

Il Cdq insorge contro l'abbattimento di altri tre alberi in via di Torpignattara. "Lasciano lì i monconi e nessuno li ripianta". Come a Villa Gordiani, dove i residenti ne contano a decine

Tre alberi abbattuti perché malati. E sale a cinque il totale di quelli eliminati fra via di Torpignattara e via Cencelli. Rami, foglie e tronchi lasciano il posto a monconi alti un metro destinati a diventare dei posacenere. C'è chi a Villa de Sanctis ne ha addirittura contati 35, chi ricorda che c'è un obbligo di legge per i privati a riapiantare gli alberi abbattuti ("e per il Comune no?"), e chi fa il suo pronostico senza dubbi che si avveri: "Quanto scommettete che fra qualche anno saremo ancora qui a parlarne?"

Alla vista degli ennesimi alberi abbattuti il comitato di Quartiere insorge, perché già nel quadrante il verde non abbonda e sarebbe invece di importanza centrale per purificare l'aria, se poi gli esemplari malati non vengono sostituiti, le strade sembrano destinate a diventare spianate grigie di cemento. 

"Appare evidente che i monconi resteranno lì (come i tanti altri disseminati nel quartiere). Continuiamo così, continuiamo a fare le cose male, senza pianificazione, senza analisi e senza progettualità. E soprattutto continuiamo a mascherare per servizio la sistematica dismissione della dotazione verde di un territorio strangolato da smog e polveri sottili".

Perché non eliminare anche i pezzi di tronco lasciati piantati senza alcuna ragione? Sui social network il tema attira l'attenzione dei navigatori. Rossella spiega: "In genere i monconi sono lasciati per ragioni di sicurezza, se fossero tagliati raso suolo potrebbero essere pericolosi, a un metro da terra sono visibili. Passato un po' di tempo si "dovrebbe" procedere al carotaggio della parte lignea che finché la pianta è ancora viva è più complicato fare. Successivamente quindi si "dovrebbe" procedere alla messa in dimora di nuove alberature". 

Ma il condizionale è d'obbligo, perché troppo spesso i "monconi" restano in strada vita natural durante a far da mini cassonetti della spazzatura. "Villa Gordiani è diventata un cimitero di alberi: ne ho fotografati 35" scrive Paolo. C'è poi chi cerca di lanciare qualche idea positiva: "Potrebbe essere un progetto della scuola arte e mestiere trasformarle in piccole sculture in legno". 

Non male, a Roma abbiamo già visto qualche giovane artista che si è cimentato nell'impresa. Ma il Cdq preferirebbe gli alberi: "Non servono a decorare, purificano l'aria. E nel nostro quartiere l'aria fa veramente schifo. È veramente essenziale che venga aumentata la dotazione a verde e vengono tutelate tutte le aree verdi attualmente esistenti".

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • consiglio senza polemiche ai negozianti e residenti di mettere dentro i tronchi delle piantine fiorite....tanto i tronchi rimarranno lì a vita...adottate un tronco....

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Terremoto, la raccolta invade i municipi: ora inventario e stoccaggio

  • Politica

    Addio alle Olimpiadi Roma 2024, in settimana il no ufficiale del M5s

  • Cronaca

    Giallo a Pomezia: trovato cadavere di un 36enne nel parco pubblico 

  • Cronaca

    In ospedale con una ferita all'orecchio: "Mi hanno sparato, ma non so chi è stato"

I più letti della settimana

  • Periferie, nel bando c'è anche l'Ecomuseo Casilino: "Grande soddisfazione"

  • Parco Sangalli finalmente ripulito, il municipio: "Lasciarlo così è un dovere" 

    Torna su
    RomaToday è in caricamento