PignetoToday

Raggi a Tor Pignattara per lo spostamento delle bancarelle. I cittadini: "Il progetto era il nostro, ed è stato realizzato a metà"

Il comitato di quartiere aveva presentato il progetto per il bilancio partecipato. "Ma non siamo stati citati"

Tappa a Tor Pignattara per la sindaca Virginia Raggi, accompagnata dal presidente del V municipio, Giovanni Boccuzzi, in occasione della delocalizzazione delle bancarelle di via Casilina. Da ieri i cinque banchi che vendevano vestiti e oggetti per la casa sono stati trasferiti nella vicina piazza Sanmicheli. "Hanno intralciato per anni il passaggio delle persone", spiega Raggi nel video. "Il presidente Boccuzzi è riuscito a delocalizzarle nelle vie limitrofe senza sottrarre posti di lavoro". Aggiunge Boccuzzi: "La nuova posizione è stata stabilità insieme alle organizzazioni sindacali". 

E i cittadini? I cittadini del comitato di quartiere di Tor Pignattara si dicono "contentissimi che lo spostamento ci sia stato, che quasi 300 metri di marciapiede ora siano liberi e fruibili", che, "a differenza di altri interventi simili, il mercato non è andato perso. È rimasto sul territorio. Perché, piaccia o non piaccia, quelle bancarelle sono comunque vita, fermento, colore".

C'è però un 'ma'. "Il progetto di delocalizzazione delle bancarelle era stato proposto proprio dai cittadini del comitato che avevano previsto la creazione di una vera e propria piazzetta delimitata da fioriere, con panchine e interventi di riqualificazione. Invece "da nessuna parte, infatti, il sindaco o il presidente del municipio hanno citato il Comitato di quartiere". Eppure, scrivono i cittadini, "ci sono i protocolli a testimoniare la paternità del progetto, così come la campagna per il bilancio partecipato. Pare che qualcuno lo abbia dimenticato. Pazienza, siamo abituati a queste piccolezze. D’altronde non siamo mai stati nella lista dei 'buoni': troppo autonomi, troppo critici, poco addomesticabili. C’abbiamo fatto il callo". 

Poi spiegano qual'era il loro progetto iniziale. "A essere sinceri, ci fa anche piacere non essere citati nelle comunicazioni istituzionali, visto che il Municipio, pur accogliendo la nostra idea, purtroppo non ha realizzato in pieno il progetto iniziale. Ok lo spostamento delle bancarelle, ok la perimetrazione della piazza con la vernice, ma questo ha senso se si accoglieva il nostro metodo progettuale, ovvero sviluppare un progetto di urbanistica tattica (per sperimentare l’intervento) e poi realizzare il definitivo". 

Invece, "da quello che abbiamo capito questo è quanto. Una piazza fatta con 6 strisce gialle e 2 strisce bianche. E allora non ci siamo. Dov’è la rimessa in quota dell’area rispetto al marciapiede? Dove sono le panchine? Dove sono le fioriere? Dove sono i cestini e gli altri arredi? Dov’è il piano di manutenzione dell’area? Tutto questo manca all’appello e, nonostante siamo gli autori del progetto, non abbiamo mai avuto modo di interloquire sui dettagli di realizzazione. Tanto per dire, noi il progetto l’avremmo presentato pubblicamente, anche per avere suggerimenti e valutare criticità. Sia chiaro: siamo contentissimi che lo spostamento ci sia stato, che quasi 300 metri di marciapiede ora siano liberi e fruibili. Ma non possiamo essere soddisfatti di un progetto realizzato a metà. Pretendiamo la stessa attenzione e cura che viene messa in centro storico o nei quartieri “bene” della città".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per i cittadini "questa poteva essere l’occasione per intervenire sull’intero quadrante di via Laparelli che soffre di criticità enormi. I marciapiedi da sempre in condizioni pessime (specie quelli che danno sulla scuola), l’ex casa del custode dell’I.C. Via Laparelli che è in condizioni disastrose, la riqualificazione del mercato come da progetto presentato dagli operatori non più di due settimane fa. Insomma s’è fatto troppo poco e sicuramente non in modo adeguato. Basti pensare che il manto stradale non è ancora stato pulito dai resti dell’incendio di autovetture avvenuto diversi mesi fa, si vedono ancora bene i cumuli di materiale plastico fuso e poi seccato. Non si riesce a capire il senso dello spazio che dovrebbe occupare la bancarella all’angolo, stretta tra le altre due e senza spazio per gli acquirenti, né da un lato, né dall’altro. Insomma, come sempre, troppa, troppa approssimazione. Ma guardiamo avanti. Godiamoci lo spazio ritrovato e, tutti insieme, curiamolo pretendendo che chi di dovere continui a fare il proprio lavoro e ci porti progetti fatti bene, non raffazzonati, degni di un quartiere con la nostra storia e importanza".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Intervengono per sgomberare un appartamento abitato da un'anziana e trovano deposito d'armi

  • Temporale Roma, bomba d'acqua e gradinata sulla zona est della Capitale

  • Coronavirus, a Roma 11 casi. In totale nel Lazio 14 nuovi contagi. I dati delle Asl

  • Sciopero a Roma: venerdì 10 luglio a rischio metro e bus, gli orari e le fasce di garanzie

  • Coronavirus, a Roma sette nuovi casi: undici in totale nel Lazio

  • Coronavirus: a Roma 14 nuovi casi, 19 in totale nel Lazio. I dati Asl del 6 luglio

Torna su
RomaToday è in caricamento