martedì, 02 settembre 19℃


Largo Pettazzoni: "Si prende la scossa ai giochi con i pannelli"

Diverse segnalazioni sono pervenute al Comitato di Quartiere Torpignattara che ha lanciato l'allarme su facebook. Sui giochi del nuovo parco alimentato a pannelli solari "sembra ci siano contatti scoperti". A breve un'ispezione tecnica

Redazione 5 marzo 2012
1

"Molte mamme e bimbi che frequentano il nuovo parco dell'Acquedotto Alessandrino (quello inaugurato da Nicola Zingaretti da poche settimane) lamentano un fatto grave: si prende la scossa a tutti i giochi collegati con i pannelli fotovoltaici: sembra chi ci siano contatti scoperti". E' l'allarme lanciato sul profilo facebook del Comitato di Quartiere Torpignattara in merito ad alcune segnalazioni pervenute da utenti della nuova area giochi di Largo Pettazzoni.

Il piccolo parco giochi, realizzato con un bando provinciale da 2 milioni di euro, è stato presentato a dicembre ai cittadini del municipio 6 nella sua veste completamente ristrutturata. Presenti all'inaugurazione il presidente del VI municipio Giammarco Palmieri e Nicola Zingaretti, presidente della Provincia di Roma. Oltre ai giochi appena usciti dalla fabbrica, la vera innovazione è rappresentata dall'alimentazione a energia solare con pannelli fotovoltaici che si illuminano in modo autonomo e automatico posizionati sopra i tetti di alcuni dei giochi. Insomma, la portata innovativa della struttura è indubbia. Speriamo sia solo un guasto su cui poter intervenire al più presto, come ci ha rassicurati il presidente del municipio Giammarco Palmieri che è stato allertato dell'accaduto. "A breve - ha dichiarato Palmieri al Comitato - avverrà un'ispezione tecnica della Provincia".

Annuncio promozionale

Quadraro
segnalazioni

1 Commenti

Feed
  • Avatar di Anselmo Magi

    Anselmo Magi invece di ricercare queste sofisticazioni forzate mettendo a rischio la salute dei bambini, per altro inutilmente (al parco giochi non ci si va di notte..) era meglio installare giochi più normali ed a misura di bambino... L'innovazione lasciamola ai settori costruttuvi dove è veramente utile, i bambini non chiedono energia elettrica, sono loro stessi fonte di energia!!!  Ma li avete acquistati in cina?

    il 6 marzo del 2012