PignetoToday

Palazzina a rischio crollo a Villa Certosa: prossimo lo sgombero?

Nel 2008 a seguito di lavori fognari si è scoperto che l'area sottostante via dei Savorgnan 6 presentava numerose cavità che ne mettono a rischio la stabilità. Diverse relazioni consigliano lo sgombero che potrebbe arrivare a breve

Via dei Savorgnan 6. Siamo tra Casilina e Tuscolana, nella zona denominata Villa Certosa. Proprio qui c'è una palazzina che diverse relazioni, firmate da geologi e vigili del fuoco, definiscono a rischio crollo e che per questo nei prossimi giorni potrebbe essere sgomberata. L'immobile, al momento abitato da undici famiglie, è stato oggetto di numerose indagini, rilevazioni e lavori di rafforzamento strutturali che però non hanno scongiurato, come certificato da una relazione del Geologo Luigi Bonifacio, il rischio che la palazzina crolli.

LA STORIA
Siamo nell’agosto del 2008 quando a seguito di alcuni scavi compiuti per la realizzazione di interventi alla rete fognaria, emerse che la suddetta palazzina presentava delle gravi lesioni diffuse a carico delle murature esterne e delle tramezzature interne. Appresa questa notizia i condomini hanno commissionato delle indagini specialistiche per conoscere le motivazioni reali di questo dissesto ed è in quella sede che vengono a conoscenza dell’esistenza di una cavità sotterranea di oltre 200mc. Da qui la decisione dei Vigili del Fuoco di emettere, già lo scorso anno, un mandato di sgombero per i residenti e di avviare congiuntamente una serie di interventi per la messa in sicurezza dell’immobile.

CAVITA' RIEMPITE CON IL CEMENTO
Proprio per scongiurare il collasso definitivo della palazzina , le cavità sotterranee vengono riempite con miscela di cemento. Questi primi interventi però non appaiono sufficienti. Così, a meno di un anno di distanza, siamo maggio 2009, lo stesso geologo effettua ulteriori indagini, per verificare lo sviluppo di quella che è ormai certo essere una rete di gallerie sotterranee all’edificio.

LE RILEVAZIONI DI MAGGIO 2009

Attraverso esplorazioni geognostiche e videoispettive, la seconda indagine conferma l’esistenza di due gallerie sotterranee, una direzione sud est-nord ovest l’altra nord est-sud ovest che si intersecano nello spigolo sud-est della palazzina. Senza entrare in una terminologia ai più complessa e sconosciuta, è sufficiente sapere che da queste ultime rilevazioni è emerso che entrambe le gallerie presentano in linea generale un elevato stato di deterioramento, con fenomeni di distacco e crolli parziali che mettono a serio rischio la vita di chi vi continua a risiedere nonostante, ribadiamo, il primo mandato di sgombero del 2008.

La relazione, giunta sul tavolo del VI municipio, è in corso di valutazione e potrebbe portare allo sgombero nei prossimi giorni.


Visualizzazione ingrandita della mappa

Potrebbe interessarti

  • Imprenditrice cinese spende undici milioni di euro per una villa a due passi da Villa Borghese

  • Intolleranza al lattosio: come riconoscerla

  • Sos pancia gonfia, cause e rimedi per combatterla

  • Centrifughe e frullati: eccone 8 da provare nell'estate romana

I più letti della settimana

  • Sciopero a Roma: mercoledì 24 luglio a rischio bus, metro e tram. Gli orari

  • Sciopero: domani 24 luglio stop a metro, bus, treni e taxi. Tutte le informazioni

  • Incidente a Primavalle: si ribalta con la Porsche e scappa lasciando donna agonizzante in auto

  • Metro A, nel week end chiude la tratta tra Colli Albani e Anagnina

  • Incidente Anagnina, perde il controllo della moto: muore 32enne

  • Pistola contro la vittima per rapinarla del Rolex, poi cade in scooter durante la fuga

Torna su
RomaToday è in caricamento