PignetoToday

Villa De Sanctis, si apre l'ennesima voragine. I cittadini: "Problema conosciuto da tempo, cosa è stato fatto?"

Il comitato di Torpignattara ha chiesto un'assemblea pubblica al presidente Boccuzzi

Sulla chiusura, anche se temporanea, di Villa De Sanctis i cittadini del comitato di quartiere di Tor Pignattara chiedono di vederci chiaro. Il parco è stato infatti chiuso lo scorso fine settimana perché nell'area si è aperta l'ennesima voragine e, come denunciato dal presidente del V municipio, Giovanni Boccuzzi, siccome "il servizio giardini non ha trovato in tempi rapidi le transenne" l'intera zona è rimasta interdetta al pubblico per motivi di sicurezza. La necessità di mettere in sicurezza la zona, in realtà, è conosciuta da tempo e negli ultimi anni sono molte le voragini che si sono aperte, in concomitanza di una serie di cavità sottostanti.

"La perdita dell’accesso al bene, anche per un solo giorno, ha reso evidente la fragilità delle infrastrutture verdi del nostro territorio e in particolare di questo parco che oltretutto, visto l’afflusso straordinario di questi giorni, appare largamente insufficiente per il nostro territorio", esordiscono in una nota i cittadini del comitato. "In questo articolo facciamo qualche proposta e invitiamo chi di dovere a organizzare (nelle modalità coerenti con le disposizioni di legge) un incontro pubblico per capire".

La situazione della zona è conosciuta. Già dal 2017, infatti, l'Ispra "ha pubblicato una mappa dettagliata delle cavità di Roma e tutta Villa De Sanctis rientra in un’area con una densità di punti di fragilità superiore a 50 per chilometro quadrato. L’area di crollo, tra l’altro, si trova proprio sopra una porta in metallo che dà accesso a un ambiente ipogeo sottostante (ben noto all’amministrazione). Forse è crollata la volta. Se così fosse, ci troviamo di fronte anche alla compromissione di un pezzo del nostro patrimonio culturale".

In quanto alla situazione rilevata dall'Ispra, un intervento strutturale per risolvere è il problema è stato "promesso, dichiarato certo e prossimo all’avvio decine di volte. E intanto il parcheggio davanti ai campi sportivi resta chiuso. L’area dove sorgeva l’area giochi lungo via dei Gordiani interdetta. Ora anche quest’ultimo punto diventa 'off limits'. Per non parlare delle tante aree 'interdette' che spesso non vengono neanche perimetrate a dovere ma solo col fantomatico 'nastro giallo'. Pezzi di territorio resi inutilizzabili. Di fatto servizi sottratti alla collettività. Per cause di forza maggiore, ci mancherebbe, ma la possibilità d’intervento esiste. È stata sollecitata. Progettata. Però non parte. Perché? Dov’è l’inghippo?".

I cittadini pongono una serie di domande. "Quanto ancora dovremmo aspettare per la conclusione del cantiere del Casale posto all’ingresso principale? Che destinazione avrà quello spazio? Che manufatto archeologico è stato rinvenuto durante gli scavi? Verrà valorizzato o 'richiuso'? E poi, ancora, la 'fabbrica' che si trova dentro il Parco può legittimamente operare visto che l’attività che porta avanti è incompatibile con le funzioni ammesse dal vincolo archeologico che tutela l’area? Sono previste attività di manutenzione e valorizzazione per le opere d’arte all’interno del parco? Domande a cui non s’è mai avuto risposta, sebbene siano in tante le voci che le pongono".

Gli interrogativi continuano poi sulla necessità di verde del quadrante. "Ci vogliamo rendere conto che Villa De Sanctis non può bastare come infrastruttura verde in un territorio che ha una densità abitativa come la nostra? Che fine hanno fatto i piani di allargamento del progetto originario? Perché non viene applicato il piano d’assetto fatto dai cittadini e presentato dall’Ecomuseo Casilino per riconnettere tutte le aree verdi del Comprensorio Casilino? Perché non è possibile riattivare la strada interpoderale (esistente e che per legge dovrebbe essere aperta) che collega via Labico a Villa De Sanctis?"

Continua il comitato: "Come vedete le questioni sono tante e ci permettiamo di dire che la natura qui c’entra fino a un certo punto. L’imprevisto nasce laddove non si prendono le giuste misure, non si hanno le giuste visioni e prospettive, dove la tanto sbandierata programmazione non viene applicata, dove il mantra della partecipazione serve solo quando c’è qualcuno che abbassa la testa e risolve i problemi al posto dell’amministratore di turno. Quando non c’è tutto questo, l’imprevisto diventa normalità. Una normalità che è sottrazione di diritti, di spazio pubblico, della possibilità di poter esercitare il diritto di partecipare alla vita civile, sociale e culturale del nostro territorio. E non ci venite a parlare di fondi, perché ogni tanto spuntano milioni per questo o quell’altro progetto. E sinceramente è una storia a cui non crediamo più".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Da qui la richiesta al presidente Boccuzzi e all'assessora con delega ai Lavori Pubblici, Paola Perfetti, di indire un'assemblea pubblica, fisica o telematica che sia. Ecco i punti all'ordine del giorno: "Cronoprogramma degli interventi di consolidamento del sottosuolo; se e come si intende procedere all’allargamento dello spazio pubblico a verde disponibile; quando terminerà il cantiere del Casale e la destinazione d’uso prevista; che tipo di manufatto archeologico è stato rinvenuto durante i lavori e che piani di valorizzazione ci sono; se si intende avviare tutte le azioni necessarie alla riapertura della strada interpoderale che porta da via Labico a Villa De Sanctis; se si sta predisponendo qualche iniziativa nei confronti della fabbrica che sta dentro Villa De Sanctis e, anche se fuori dal perimetro della villa, nei confronti del deposito giudiziario di via Artena che svolge anch’esso un esercizio non coerente con le prescrizioni di un’area archeologica". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 13 contagi in 24 ore nel Lazio. "Preoccupazione per aeroporti e stazioni di Roma"

  • Coronavirus, a Roma appena 2 nuovi contagi in 24 ore: sono 3055 gli attuali casi positivi

  • Coronavirus, a Roma 8 nuovi contagi: sono 2710 gli attuali casi positivi nel Lazio

  • Coronavirus, a Roma 10 nuovi contagi: sono 2754 gli attuali casi positivi nel Lazio

  • Coronavirus: 10 nuovi positivi nel Lazio, dal 3 giugno sorvegliati speciali stazioni ed aeroporti

  • Coronavirus, a Roma tre nuovi casi. Altri due nel resto del Lazio

Torna su
RomaToday è in caricamento