PignetoToday

Tor Pignattara e la bandiera di Casa Pound in diretta tv: "Ci dissociamo"

Nel corso della trasmissione 'Quinta Colonna' è comparsa una bandiera di Casapound che sventolava in bella vista dietro i residenti. Il Comitato Filarete: "Siamo indipendenti da qualsiasi movimento o schieramento politco"

Le immagini della diretta da Tor Pignattara e la bandiera di Casa Pound

Una bandiera di Casa Pound che sventola in diretta tv, tra l’imbarazzo di qualche residente e la preoccupazione del comitato Filarete che si è sempre proclamato equidistante da schieramenti o movimenti politici.

E' successo durante l'ultima puntata della trasmissione 'Quinta Colonna', andata in onda lunedì primo dicembre su Rete 4. Nel corso del programma, condotto da Paolo del Debbio, dietro a un capannello di residenti in collegamento da viale Filarete, ha fatto capolino proprio una bandiera del movimento di estrema destra. 

Una circostanza che ha convinto il Presidente del comitato Filarete, Leonardo Falsi - presente alla diretta insieme ad altri membri del comitato - a dissociarsi da quanto avvenuto, rimarcando l'autonomia del CdQ rispetto a partiti o movimenti politici.

ACCUSE STRUMENTALI - Leonardo Falsi ha spiegato la vicenda in questi termini. "Il Comitato Filarete è vicino alle vertenze intraprese dal Coordinamento di ribellione dei Rioni e dei Quartieri di Roma ma allo stesso tempo si dissocia da qualsiasi forma di strumentalizzazione politica e mediatica. Nella speranza di non dover più avere a che fare con simili attacchi da parte di esterni, ribadiamo la decisa partecipazione alle battaglie intraprese dai Comitati romani riuniti nel Coordinamento".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

EQUIDISTANTI DAI PARTITI - Dunque nessuna vicinanza a Casa Pound da parte del comitato che anzi rimarca la propria autonomia. "Siamo orgogliosamente consapevoli della risonanza che un Comitato di Quartiere ha sul territorio, esso è da sempre fucina di dibattito, di una stimolante riflessione politica e civile. Proprio per questo ci teniamo a rivendicare la piena autonomia nei confronti di qualsiasi organizzazione di stampo partitico: solo così si potrà perseguire il vero fine di un Comitato, che è quello di difendere e promuovere il bene del quartiere e delle persone che vi abitano, a prescindere dal colore politico degli amministratori pubblici e dei cittadini".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Centro commerciale Maximo, c'è la data di apertura. Primark e non solo: ecco le news sui negozi presenti

  • Torvaianica, sparatoria tra i bagnanti sulla spiaggia: ferito un uomo

  • Referendum, come si vota? Cosa succede se vince il sì, cosa succede se vince il no

  • Gioca due euro e ne vince 500mila per comprare una casa

  • Coronavirus, a Roma città 131 nuovi casi. 181 in tutto il Lazio

  • Coronavirus, a Roma città 108 nuovi casi da Covid19. Focolaio in una RSA

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento